Rinoplastica post intervento

rinoplastica post interventoRinoplastica post intervento: il gonfiore dopo un intervento di rinoplastica è normale. La ragione per cui il naso si gonfia nelle ore successive ha tutto a che fare con la dissezione chirurgica che si verifica nella transazione operatoria, con conseguente infiammazione locale.

Se le ossa nasali devono essere chirurgicamente fratturate durante l’intervento chirurgico, ci si può aspettare un po’ più di gonfiore rispetto alle attese, in particolare sulle guance e intorno agli occhi.

Una situazione che non dovrà preoccupare: ad ogni modo, cerchiamo di seguire in maniera più lineare i passaggi da rispettare per evitare disagi maggiori nella rinoplastica post intervento.

Cosa viene usato nell’operazione di rinoplastica post intervento

1) Splint dorsale: al termine della rinoplastica, una stecca chirurgica verrà inserita attraverso il ponte nasale. L’innesto rimarrà operativo per una settimana circa, contribuendo a ridurre il gonfiore.

2) Stecche intranasali: il rigonfiamento dopo la rinoplastica non solo si verifica sotto la pelle, ma si riscontra anche all’interno delle vie aeree nasali. Ecco perché alcuni chirurghi sono soliti inserire delle stecche nasali nelle vie aeree del naso, al termine della rinoplastica. Queste serviranno sia da stent per aprire le vie aeree, sia per ridurre il gonfiore intranasale.

 Altri particolari nella rinoplastica post intervento

3) Taping nasale: al termine della rinoplastica, appena prima l’applicazione del fissatore dorsale, il chirurgo metterà dei nastri chirurgici attraverso il ponte nasale e sulla punta del naso.

Questo nastro sarà tolto e sostituito una settimana dopo l’operazione quando i punti di sutura verranno rimossi. Dopo circa due settimane di continuo taping nasale, verranno fornite istruzioni su come “auto-annastrare” il naso. Il taping del naso dopo rinoplastica contribuirà a ridurre il gonfiore post-operatorio.

4) Compressione a freddo: gli impacchi freddi aiutano a ridurre il gonfiore durante le prime 24 ore dopo l’operazione. Tuttavia, gli impacchi freddi devono essere posizionati solo sulle guance e mai essere applicati direttamente sul naso. Se si procede con un impacco sul naso, si potrebbero spostare gli innesti di cartilagine e dei piccoli segmenti ossei.

5) Bromelina: si tratta di un derivato di un estratto di ananas che si è dimostrato efficace e capace di ridurre il gonfiore chirurgico, e dovrebbe essere iniziato il giorno prima dell’intervento.

Questi sono i principali accorgimenti per attenuare i disagi nella rinoplastica post intervento.