Rinoplastica: Lea Michele resiste alla tentazione

lea micheleLa serie Glee, trasmessa su Fox, è una delle fiction più note degli ultimi anni. Una delle sue protagoniste, Lea Michele, è recentemente salita alla ribalta della cronaca per la sua avversione alla chirurgia estetica e, in particolar modo, per aver respinto fermamente gli inviti a sottoporsi a interventi di rinoplastica per la correzione del naso.

Ma perchè la star femminile di Glee prova così tanta antipatia nei confronti degli interventi di rifacimento del naso?

In una recente intervista concessa all’Harper Bazaar, Michele ha dichiarato: “Sapete quanti manager mi hanno detto: rifatti il naso, non sei abbastanza carina?” – per poi ricordare quante volte, prima di sfondare nello spettacolo, ha dovuto sopportare umiliazioni e frustrazioni per i difetti al naso.

La soddisfazione per il successo raggiunto è, nel caso di Michele, almeno doppia: invece di compiere un rapido viaggio verso il primo chirurgo plastico di Beverly Hills, infatti, la star americana ha abbracciato in maniera convinta e definitiva il suo aspetto ed è diventata attrazione indiscussa di Glee.

“Nella mia vita ho imparato diverse lezioni. La gente può dire quello che vuole. Io so chi sono, e so che non sono perfetta” – ha poi aggiunto nella stessa intervista. Ad ogni modo, la Michele non è stata certamente l’unica star del piccolo e del grande schermo a finire al centro del gossip per merito, o colpa, del proprio naso. Altre stelle come Barbara Streisand e Owen Wilson sono terminate da tempo al centro dell’attenzione per lo stesso motivo, ed entrambi si sono detti particolarmente contenti di non aver ceduto, senza cambiare il proprio aspetto.  Insomma, la storia di Michele, della Streisand o di Wilson ha un tratto distintivo comune, particolarmente profondo: anche i difetti fisici più evidenti non possono celare la bravura professionale o l’eccellenza artistica. Una vera lezione nei confronti di coloro che cercano di correggere gli inestetismi, ad ogni costo, e in ogni caso.